aspetto demografico:
La popolazione europea attorno all' XI secolo comprendeva circa 30 milioni di abitanti.La scarsa densità della popolazione era dovuta dal basso indice di nascite e da quello alto della mortalità, dovuto a diversi fattori: le epidemie, come la peste, dovute all'igene insufficiente degli ambienti popolari, le carestie, dovute alllo scarso sfruttamento delle terre e dall'arretratezza delle tecnologie, e le misere condizioni di vita dovute dalla povertà.

aspetto economico:
L'economia era basata sul settore primario è in particolare sull' agricoltura che sfruttava le coltivazioni nelle campagne nelle quali vi era il sistema delle curtis. La curtis era un appezzamento di terreno diviso in due parti: una pars dominica, detta riserva,che comprendeva le abitazioni signorili,gli alloggi dei servi,i magazzini,le stalle,le cantine,i forni e i laboratori di artigianato oltre che ai territori,boschi,pascoli e campi coltivati dai servi prebendari; la pars massaricia invece era divisa in piccoli poderi ,detti mansi, dove lavoravano i servi casati, che pagavano in natura o in denaro un canone al proprio signore. L'economia della curtis era un sistema chiuso ed autosufficiente; gli scambi commerciali erano ridotti e solamente se venivano prodotte eccedenze, il che avveniva raramente. L' agricoltura inoltre era poco produttiva: la forzatura delle colture,la scarsità di tecnologie e la conoscenza insufficiente del territorio che veniva lasciato incolto, oppure le condizioni atmosferiche sfavorevoli portavano alla rovina del raccolto o all'incapacità di produrre abbastanza e quindi alla carestie.

aspetto culturale-religioso
Attorno all anno mille la religione cristiana aveva ragiunto l'assoluta supremazia sulla popolazione europea. Le chiese erano presenti anche nelle campagne dove erano i parroci ad amministrare i sacramenti; molte di queste furono commissinionate e finanziate da signori feudali che ritenevano prestigioso possedere nel proprio feudo una chiesa,tanto più con santuari che attiravano i pellegrini e sviluppavano la popolarità del luogo. I signori avevano anche la facoltà di aiutare i funzionari ecclesiastici nell'organizzazione di queste,spesso facendone un sopruso e approfittandosi di questi per scopi economici.Nei monasteri inoltre vivevano comunità di monaci che si dedicavano alla preghiera e allo studio,alla trascrizione e soprattutto alla conservazione nelle biblioteche dei testi antichi originali e trascritti. Le religioni invece praticate dalle popolazioni del nord Europa ,che venivano chiamate barbariche, erano ancora pagane.